diagonal header svg

Storie di Pulito

Microplastiche: cosa sono e come limitarle già in lavatrice
Da sapere
Come fare

Microplastiche: cosa sono e come limitarle già in lavatrice

1
December 2022

Sapevi che ogni settimana mangi una carta di credito? Sì, hai letto bene. Scopri perché in questo articolo!

Forse non lo sai, ma ogni settimana ingeriamo circa 5 grammi di plastica, l’equivalente di una carta di credito (ben 21 grammi al mese e oltre 250 grammi all’anno!). Lo ha affermato un recente studio pubblicato dell’Università di Newcastle, in Australia. Ma com’è possibile tutto questo? Devi sapere che ogni anno tonnellate di plastica raggiungono il mare e, di conseguenza anche la catena alimentare attraverso le specie marine. Lo IUCN (Unione Mondiale per la Conservazione della Natura) ha stimato che i lavaggi di capi sintetici sono la prima fonte di inquinamento delle microplastiche, contribuendo per il 35% al rilascio mondiale delle stesse.

Ma partiamo dall’inizio.

#1: Cosa sono le microplastiche? 

Le microplastiche sono particelle di dimensione compresa tra gli 0,001 e i 5 millimetri. Oltre a queste, esistono anche le nanoplastiche, ovvero dei particolati di misura inferiore agli 0,001 millimetri. Microplastiche e nanoplastiche insieme costituiscono il “regno” delle micro- e nano- plastiche, che spesso troviamo abbreviate come MNP. 

Sì, ma dove comincia tutto?

Durante il processo di lavaggio, lo stress meccanico e chimico causato dalla lavatrice, porta al distacco delle microfibre dei capi sintetici, che quindi, finiscono negli scarichi. E viste le loro dimensioni ridotte, parte di queste microfibre riesce a passare attraverso gli impianti di trattamento e raggiunge così il mare.

PRENOTA ORA!

#2: I danni connessi alla salute che devi assolutamente conoscere

Quando le microplastiche entrano in contatto con il nostro organismo causano alterazioni responsabili di malattie metaboliche gravi, tra cui obesità, diabete e malattie croniche del fegato, reni e intestino. Di conseguenza, una volta assorbite dal fegato, arrivano a provocare stress ossidativo, problemi metabolici e danni ai sistemi immunitario e neurologico e, nei casi più gravi, si tramutano in cancro.

#3: Come ridurre il problema delle microplastiche in casa?

Dal momento che gli impianti di trattamento delle acque reflue non sono sufficienti a trattenere le microplastiche dei vestiti e fermare la produzione mondiale di fibre sintetiche non è plausibile, cosa puoi fare attivamente per minimizzare il rischio di inquinamento marino da microplastiche? Ecco qualche consiglio:

  1. Inizia acquistando capi di seconda mano: gli indumenti rilasciano la maggior parte delle microfibre nei primi cicli di lavaggio, perciò indossando capi usati potremmo ridurre la quantità di sostanze nocive rilasciate durante i lavaggi.
  2. Evita l’acquisto di indumenti in fibre sintetiche e in ogni caso assicurati di metterli in sacchetti a filtro o di mettere delle Wash Ball nella lavatrice per catturare le microplastiche.
  3. Cerca di lavare sempre a pieno carico e a basse temperature (per quanto possibile).
  4. Scegli di usare un detersivo liquido al posto di quello in polvere: i granuli potrebbero sfregare le fibre dei tessuti aumentando la quantità di microfibre rilasciate.
  5. Attenzione all’imballaggio del detersivo che scegli: assicurati di acquistare un detersivo biodegradabile, a cominciare proprio dal suo packaging.
  6. Prediligi capi composti maggiormente da fibre naturali come cotone, lana o seta (per saperne di più, clicca qui).
PRENOTA ORA!

#4: Altri rischi connessi alla lavanderia domestica

Quando tiriamo fuori il bucato dalla lavatrice e lo stendiamo ancora bagnato in casa, i rischi che si crei umidità nell’ambiente sono sempre dietro l’angolo. Far asciugare il bucato in casa è un’abitudine molto diffusa oggi, specialmente durante la stagione invernale o se non si dispone di spazio a sufficienza per stendere all’esterno. Tuttavia, questo non fa bene ai   tuoi capi che assumerebbero un odore sgradevole, e anche alla tua salute! Infatti, negli ambienti particolarmente umidi, dove il ricambio d’aria non è sufficiente, c’è una forte proliferazione di muffe e acari. Proprio questi batteri, se inalati, potrebbero causare seri danni ai polmoni e  allergie.

Perché affidarsi ad una lavanderia professionale?

Il lavaggio dei tuoi capi nel nostro atelier di lavanderia, avviene utilizzando tecnologie all’avanguardia e con l’ausilio di detersivi delicati a basso impatto ambientale, in grado di garantire il miglior risultato su ogni tessuto. Liberando le persone dall’utilizzo della lavatrice, contribuiamo al risparmio del bene più prezioso, l’acqua, e aiutiamo a salvare i nostri mari dall’invasione delle microplastiche derivanti dai lavaggi domestici.

E non dimenticare che il tuo tempo è prezioso, per cui, comincia a prenderti cura del pianeta a cominciare proprio da te. Che aspetti? 

Sei un nuovo cliente? 

Hai diritto ad uno sconto del 10% con il codice WELCOME10 e ricorda che sopra i €20 presa e riconsegna a domicilio sono gratis!

Per qualsiasi informazione sul servizio o per fare un ordine al telefono, contatta un Assistente personale, siamo a tua disposizione!

PRENOTA ORA!

Condividi l'articolo

Prossimi articoli

Popolazione che invecchia: opportunità o sfida?

Popolazione che invecchia: opportunità o sfida?

Scopri di più
 Perché stendere il bucato in casa fa male?

Perché stendere il bucato in casa fa male?

Scopri di più